Cara Redazione, continua il periodo di segregazione, di fatto, delle persone autistiche ospiti di Residenze sanitarie per disabili (Rsd). Dietro la cosiddetta discrezionalità delle Direzioni sanitarie vengono tollerati e coperti, dalle Istituzioni, protocolli come quelli emanati da una comunità di Torino di cui è ospite mio figlio, autistico adulto di quarant’anni. Tale protocollo, al punto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“La politica è morta, il M5S pure e anch’io non mi sento bene”

prev
Articolo Successivo

Mail box

next