A seguito della scarcerazione del collaboratore Giovanni Brusca dopo 25 anni di carcere, è stato ipotizzato che egli non abbia rivelato tutto quanto sapeva sulle stragi del 1992 e del 1993. Non so se sia il caso di Brusca, ma non può escludersi che alcuni collaboratori abbiano taciuto, per ragioni di autotutela, taluni segreti che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Quell’inferiorità violenta dell’uomo qualunque

prev
Articolo Successivo

Magris, Microcosmi e Meridiani. “Scrivo per difendermi”

next