Il fiume Sarno è una discarica a cielo aperto. A testimoniarlo sono le numerose inchieste dei carabinieri del Noe, agli ordini del Ten. Col. Marco Ballerini. I controlli hanno comportato l’apertura di numerosi procedimenti penali per i quali sono state delegate ulteriori indagini e interrogatori di garanzia, il tutto terminato con l’emissione dei relativi rinvii […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Sudtirol, assolto il giornalista che denunciò l’abuso di pesticidi nella coltivazione di mele

prev
Articolo Successivo

Il Copasir riparte: si può eleggere il nuovo presidente

next