Solenni canti degregoriani per il Due Giugno. La Repubblica festeggia 75 anni, il nemico della pandemia è (quasi) scappato, vinto, battuto e così persino il frugale e canuto capo dello Stato cede al citazionismo pop delle canzoni. “La storia siamo noi, nessuno si senta escluso”. Francesco De Gregori, ovviamente. Che l’altro giorno, nel cortile d’onore […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

“Qui a Giaffa parlano ‘arabebraico’: le città miste sono il futuro”

prev
Articolo Successivo

Irpinia, 1980: lettera a chi non c’era

next