“Il ministro Cingolani li considera ‘atti dovuti’ i decreti relativi ai progetti di perforazione di pozzi esplorativi che ha firmato, ma stando alla normativa vigente non avrebbe potuto farlo”. La denuncia arriva da Enrico Gagliano, cofondatore del Coordinamento nazionale No Triv e docente di Diritto ambientale presso l’Università di Teramo, all’indomani dall’approvazione, a firma del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Il Fatto di domani. Il poltronificio alla Draghi: dà il benservito e scontenta tutti. Vitalizi, dell’Utri & C.: tutti in fila per l’assegno

prev
Articolo Successivo

I giapponesi contrari alle Olimpiadi (per timore del Covid) sono l’86%, ma il governo tira dritto

next