Solitamente, per santi e beati, ci sono delle reliquie da venerare. Nel caso di Rosario Livatino, beatificato una settimana fa, ce n’è una sola e simboleggia il suo martirio “in odio alla fede”. Nella solenne celebrazione di domenica 9 maggio nel duomo di Agrigento è stato infatti esposto un reliquario d’argento e di forma rettangolare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

“Matteo si gioca il partito Silvio tutta l’eredità e Renzi la sua poltrona”

prev
Articolo Successivo

La sai l’ultima?

next