“Il libro dev’essere come un sasso che si butta per colpire”. Definizione perfetta. Colpire convinzioni e coscienze, aggiungerei, nella speranza che le prime vacillino e le seconde si scuotano. E proprio da una dolorosa specie di sasso nasce lo spunto di questo Il bambino di pietra. Una nevrosi femminile. Gioiello firmato Laudomia Bonanni, pubblicato per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

La “febbre” di Dostoevskij, la diagnosi di dottor Freud

prev
Articolo Successivo

Uguali ma diversi. “Che importa la pelle nera… Aiuto, se l’inconscio è razzista io volo in Africa”

next