Il grande freddo, per Cortina, viene dal profondo Nord. Sari Essayah, finlandese, già campionessa di marcia e ora presidente della Commissione di vigilanza sulle Olimpiadi 2026 ha gelato tutti. “Siamo preoccupati per il futuro del tracciato da bob. I piani di Cortina non sono un investimento per i Giochi, ma fanno parte di un più […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Le olimpiadi della Lega: poltrone da record. Segretarie, commercialisti e amici di…

prev
Articolo Successivo

La vera “favola” dell’unità nazionale

next