Bolzanina, classe 1975, Maura Delpero si era già fatta apprezzare per due documentari, Signori professori (2008) e Nadia e Svetea (2012). Con Maternal, da giovedì in sala con Lucky Red, esordisce al lungometraggio di finzione, termine peraltro non adeguato: la rappresentazione è documentata e documentaria, informata di realtà, nutrita di osservazione partecipata. La regista e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

I consigli del maestro Rilke: “Il poeta è un’ape sul dolce”

prev
Articolo Successivo

Underground Railroad: la verità sugli schiavi

next