White trash di Nancy Isenberg ci restituisce nitida l’immagine di un grande rimosso degli Stati Uniti, la classe. Non la classe spiegata in termini socioeconomici, con tabelle, grafici e analisi politiche. Il saggio è un affresco di storia americana, immaginari corpi che emergono dalla memoria sepolta e si stagliano con quel colorito a volte malfermo, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Migranti col fegato spappolato: indagano un cardiologo di Roma e il suo amico poliziotto

prev
Articolo Successivo

Non solo vaccini, ci sono le terapie

next