La premessa è doverosa: Nunzia De Girolamo è innocente fino a prova contraria, a maggior ragione dopo la sentenza di assoluzione “perché il fatto non sussiste” sancita il 10 dicembre dal Tribunale di Benevento al termine del processo sulla gestione di nomine e appalti nell’Asl sannita negli anni fino al 2012. Questa sentenza, però, non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La vignetta di Franzaroli

prev
Articolo Successivo

Uso politico della giustizia, destra bloccata. Pioggia di emendamenti sulla prescrizione

next