Dalla metà di maggio il turismo italiano prova a ripartire. Il meccanismo individuato per liberalizzare gli spostamenti è quello del “passaporto” vaccinale o di guarigione dal Covid che permetterebbe di spostarsi liberamente evitando quarantene. Questo, almeno, è quanto annunciato ieri dal presidente del Consiglio Mario Draghi: “A partire dalla seconda metà di giugno – ha […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

I vaccini solo ai Paesi ricchi. Altro round brevetti al Wto

prev
Articolo Successivo

I sindacati a Draghi: dimenticare la Fornero

next