“Il procuratore di Cassazione, andiamo a toccarlo con un nostro amico”. Mesi di campagna martellante, sui giornali e le tv berlusconiane, per tentare di ribaltare la sentenza del 1 agosto 2013 che rende definitiva la condanna a Silvio Berlusconi per frode fiscale. La pistola fumante doveva essere l’audio di un giudice, Amedeo Franco, che faceva […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Caso Renzi-007, intervista a Ranucci: “Ex premier chiarisca. Incontro avvenuto durante una crisi politica legata anche a delega sui servizi”

prev
Articolo Successivo

Agcom: i due Matteo dominano i tg e i talk

next