“Ho discusso la tesi a novembre a Ca’ Foscari (nel 2014, ndr) e lo stesso mese ho comprato un biglietto di sola andata per Tokyo. Ci sono arrivato a gennaio e dopo sei anni sono ancora qui”. Peppe è un mangaka (disegnatore di fumetti, ndr) autodidatta, oggi ventottenne, riuscito in un’impresa che credeva possibile solo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Gli autori ora vanno di corsa

prev
Articolo Successivo

“New York ti costringe ad avere fiducia negli uomini”: Monda torna nel suo “mondo”

next