È l’intenzione dietro alle parole che le rende buone o cattive (George Carlin, 1990). Non è l’uso della parola il problema, ma l’intenzione della parola (Pio & Amedeo, 2021). Se le cose fossero davvero così semplici, il problema della violenza verbale (dagli sfottò su orientamento sessuale, identità di genere, disabilità, agli epiteti razzisti) sarebbe stato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Viale Mazzini: Il dogma antico del “sistema”

prev
Articolo Successivo

Fedez ha messo il dito nella piaga di Salvini & C.

next