Sul bordo strada o lungo i sentieri dei parchi capita di incrociare uomini e donne sibilare come pentole a pressione, con macchie di sudore a forma di continenti sulle magliette e le scarpe a tinte pastello che si sollevano al ritmo di corse più o meno sfrenate. In mezzo alla fauna dei runner si nascondono […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Le agorà di Bettini, classi senza lotta

prev
Articolo Successivo

Peppe “Big in Japan”: dall’Abruzzo ai manga

next