Il Movimento che fu sembra già roba d’archivio, quello che sarà è soprattutto nelle mani di Giuseppe Conte, il rifondatore ancora bloccato da mille grane. Massimo Bugani, veterano del M5S e capo staff della sindaca di Roma Virginia Raggi, non pare sorpreso: “L’avevo previsto che non sarebbe stato facile, perché il Movimento è composto da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Basilicata, la transizione si fa col petrolio

prev
Articolo Successivo

Niente svolta, i ristori restano sui ricavi

next