Una corsa a perdifiato, tra consigli dei ministri notturni e telefonate non proprio concilianti sull’asse Roma-Bruxelles. Ma il governo ha calato le carte: l’Italia ha il suo Recovery Plan. Il testo attorno cui è stata costruita l’intera operazione di potere che ha portato Mario Draghi a Palazzo Chigi sarà illustrato al Parlamento tra oggi (Camera) […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Test, ospedali e asintomatici: disastro di Zaia in autunno

prev
Articolo Successivo

Una “rivoluzione verde” molto grigia e piena di buchi (non per Eni e Snam)

next