A Cuba si è conclusa lunedì scorso una fase che solo dieci anni fa sembrava, se non impossibile, quantomeno assai difficile. Il trasferimento del comando del Partito comunista, della presidenza della Repubblica e la direzione del governo dalla famiglia Castro a esponenti della generazione nata dopo la vittoria della Rivoluzione di Fidel, nel 1959. Così, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Il Ponte si chiama Ulisse, è un gran figlio di…”

prev
Articolo Successivo

I francesi disprezzano Manu e Le Pen corre verso l’Eliseo

next