La Sicilia delle ombre

Parola di poliziotto: “Mi distaccarono volutamente alla cattura di Giovanni Brusca”

Due agenti in pensione, parenti di uomini di scorta vittime di mafia, accusano la gestione dell'ex questore di Palermo La Barbera, dominus del depistaggio di via D'Amelio

22 Aprile 2021

Il boss Giovanni Brusca? “Mi distaccarono volutamente, dico volutamente, alla sua cattura: forse pensavano che io preso dall’ira mi sarei tolto un sassolino dalla scarpa, e cioè gli sparassi. Forse qualcuno voleva questo, forse non si doveva catturare vivo”, dice Luciano Traina, ispettore in pensione della Polizia, fratello di Claudio, agente della scorta di Borsellino […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione