La riunione di maggioranza era finita con un accordo chiuso, il Consiglio dei ministri lo immaginano tutti rapido e indolore. E invece è solo veloce, dura mezz’ora scarsa, ma di guai ne provoca parecchi. Perché poco prima di entrare nella sala dove si riunisce il governo, i ministri della Lega – gli stessi che avevano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Agnelli, “Repubblica” e il “patto di sangue” squagliato nella notte

prev
Articolo Successivo

Il dibattito è “urgente”: votano le misure di marzo

next