Segretezza, scontri, reticenze, documenti negati. Sono i mali che azzoppano la Commissione di Inchiesta sul Covid del Pirellone. Uno strumento che si sta rivelando un guscio vuoto. Partita tra le polemiche per la presidenza data dal centrodestra alla renziana Patrizia Baffi (oggi in Fratelli d’Italia), da subito è stata bloccata dalla segretezza imposta dalla maggioranza. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La Lombardia “felix”: ancora disguidi e ritardi

prev
Articolo Successivo

Pnrr, riforme in cambio di soldi: i nostri ritardi e “il caso Spagna”

next