Il dissidente Aleksej Navalny, che ha iniziato lo sciopero della fame il 31 marzo scorso, è stato trasferito nel reparto ospedaliero della colonia penale dove sconta una pena di quasi tre anni. Ufficialmente il detenuto è stato spostato “per un trattamento vitaminico”, riferiscono le autorità penitenziarie. Non era quello che avevano chiesto familiari e collaboratori: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Post-Merkel, l’Unione in panne

prev
Articolo Successivo

“Moro, Craxi disse che Gelli era alle riunioni del Viminale”

next