“Ci sono centinaia come Regeni”, il caso del ricercatore italiano “è una goccia dentro il mare”. Il teste “Epsilon”, come viene indicato dai magistrati della Procura di Roma che indaga sul sequestro e sull’omicidio di Giulio Regeni, non parla solo del giovane trovato senza vita al Cairo il 3 febbraio 2016. Bensì fornisce ai pm […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Hanno infettato pure Popper

prev
Articolo Successivo

Il genio della matematica per la destra è un traditore

next