Il contratto siglato dalla Ue con la casa farmaceutica AstraZeneca per il vaccino a vettore virale Vaxzevria scade il 30 giugno. La commissione europea potrebbe non rinnovarlo. Troppi ritardi, troppi tagli alle forniture concordate, come ha rilevato ieri il commissario per il mercato interno Thierry Breton. Ma è evidente che pesa anche quello stop and […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

“Su AstraZeneca e J&J è un errore restare prigionieri di troppe cautele”

prev
Articolo Successivo

Non si ragiona col virus comunista

next