Ventidue febbraio, esterno Montecitorio. Dopo aver ricevuto i rappresentanti dei ristoratori “disobbedienti” di #Ioapro, Matteo Salvini scende in piazza con loro, con tanto di maglietta e megafono. Il giorno dopo, il premier Mario Draghi lo convoca a Palazzo Chigi per chiedergli di “abbassare i toni”. Neanche due mesi più tardi, in quella piazza, gli stessi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Mia moglie malata e senza dose: il sistema è allucinante”

prev
Articolo Successivo

Il ristoratore in barricata adesso rinnega Matteo: “Ci ha presi tutti in giro”

next