Poiché, per legge, bestemmiare in pubblico è un comportamento illecito, e fino a poco tempo fa addirittura reato penale, mentre oggi potreste beccarvi una multa da 50 fino a 300 euro, l’ingegno italiano ha escogitato bestemmie aggirate con cui sfogare l’eccesso di rabbia senza dover subire pene pecuniarie. In Paesi meno cattolici, invece, bestemmiare è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Sindaca leghista nomina in giunta il fratello del boss

prev
Articolo Successivo

I cronisti intercettati? Legge uguale per tutti

next