Il romanzo non è una maschera, almeno non lo è per Giuseppe Cesaro che in 31 aprile racconta le follie neo-naziste di un manipolo di esaltati nostalgici del Führer nella Germania contemporanea. Una storia inventata? Certo, ma molto vicina all’oggi, se pensiamo a tutti i rigurgiti nazionalisti che la politica mondiale sta conoscendo. “Nonostante il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Addio a Hans Küng, il teologo eretico che non credeva nel Papa “infallibile”

prev
Articolo Successivo

Denise-Oleysa, soap opera del Dna finisce oggi (forse)

next