Gratta gratta – con le bombe e i martelli pneumatici – i datterari hanno distrutto quasi il 50% della parete rocciosa subacquea dei Faraglioni di Capri. Un danno incalcolabile all’ecosistema marino che si è tradotto in guadagni altrettanto incalcolabili: dai 100 ai 200 euro al chilo, per imbandire le tavole di una clientela d’élite. Ci […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il mio ritorno

prev
Articolo Successivo

Salvini assolto per stavolta: se lo rifà rischia

next