Rosa è l’unico fiore le cui spine fanno sanguinare il suo stelo, non le mani di chi cerca di strapparlo. È cresciuta tra i vicoli della Bari vecchia, dove massimo della bellezza e massimo del male crescono talmente intrecciati, che è impossibile distinguerli. E, soprattutto, separarli. O prendi entrambi o lasci entrambi. Nessuna alternativa. Suo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Lo smog ci costa 130 milioni l’anno a città: il Parlamento Ue chiede norme più severe

prev
Articolo Successivo

Dieci milioni di sfollati per il clima e l’alga per i bovini contro le emissioni: la stampa internazionale

next