Libera dalle gabbie della concretezza, l’osteria dell’avvenire è sempre ricca di nuove ricette. Enrico Letta ha delineato il suo Partito democratico intorno ad alcuni pilastri: Ius soli, legge elettorale maggioritaria, voto ai sedicenni e stop al trasformismo politico. Un impianto molto applaudito nel Pd, ma che parte già con un grosso problema: di tutti questi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Forza Italia. Carfagna sempre più vicina all’addio

prev
Articolo Successivo

“Con un nuovo Pd, noi di Articolo Uno potremmo tornare”

next