Una delle scene madri che hanno scatenato la “vergogna” di Nicola Zingaretti per un Pd che discute “solo di poltrone”, si è consumata venerdì 12 febbraio, meno di un mese fa. Quel giorno Mario Draghi presentò la lista del suo governo e i ministri democratici di peso erano i tre capi delle principali correnti del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Beppe cerca la tregua con Casaleggio. Verso la nuova associazione

prev
Articolo Successivo

Sansonetti assolve l’editore Romeo

next