Non è solo un “pentito” in più, uno dei tanti, la collaborazione con la giustizia di Gaetano Fontana, boss dell’Acquasanta in pianta stabile a Milano, potrebbe portare la procura di Palermo ad assestare un colpo mortale a quel che resta delle vecchie famiglie di Cosa nostra nel capoluogo siciliano e ai loro interessi “in continente”. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Milano-Palermo: la via del denaro andata e ritorno

prev
Articolo Successivo

Sanremo è un festival apotropaico, ma il gesto non si addice a tutti

next