Nicola Zingaretti arriva a dire che si “vergogna” del suo partito, che “da 20 giorni parla solo di poltrone”. Uno sfogo maturato dopo mesi di sconfessioni pubbliche e richieste di sfratto che è utile ripercorrere. A partire dalle parole di Andrea Marcucci: “Il congresso è una necessità riconosciuta da tutti. Bonaccini? Se volesse candidarsi, avrebbe […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Il disastro giallorosa battezza il governo Draghi-Salvini (e B.)

prev
Articolo Successivo

Sono pure io un coglione come Nicola

next