La differenza nella posizione dei due presidenti degli Stati Uniti rispetto ai mandanti dell’assassinio del giornalista saudita Jamal Khashoggi, collaboratore del Washington Post, non è dovuta all’afflusso di nuove informazioni. La Cia aveva già fornito a Trump un documento riassuntivo delle proprie ricerche che concludeva con l’attribuzione del ruolo di mandante e organizzatore dell’uccisione e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Basta politici pagati da altri Stati”

prev
Articolo Successivo

Fiat, Tavares ai sindacati: “In Italia costi troppo alti”

next