Maurizio Vismara è un allenatore con le palle, un tempo “nonno” in caserma, nostalgico del Ventennio, uno squadrista, estimatore di Mussolini al quale tenta di assomigliare con una lucida pelata. “Con un moschetto e un ‘me ne frego’ dentro al cuor” come diceva Corrado Guzzanti quando interpretava Barbagli in Fascisti su Marte. E Vismara, come […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

I giudici: “Quella legge introdotta per tutelare interessi di una parte”

prev
Articolo Successivo

Le ultime battaglie dei pini di Roma

next