C’è un momento in cui i contatti tra il commissario straordinario per l’emergenza Covid, Domenico Arcuri, e Mario Benotti, l’uomo che fa da intermediario nell’affare delle 801 milioni di mascherine acquistate per un miliardo e 251 milioni, si interrompono. E risale al 7 maggio 2020. Da quel momento – dopo 1.282 contatti tra gennaio e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Brescia, reparti saturi: “Virus fuori controllo” (ma rivolevano lo sci)

prev
Articolo Successivo

Vaccini, Campania a caccia di anziani over 80: in troppi non si presentano

next