Esecuzione per ritorsione, tentato rapimento per vendetta e/o riscatto, errore da “fuoco amico”. Le ipotesi su come e perché l’ambasciatore italiano, Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e l’autista congolese Mustapha Milambo impiegato dell’Onu siano stati uccisi in un’imboscata sulla strada che da Goma porta a Rutshuru, nella parte orientale della Repubblica del Congo, sono […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

De Girolamo, tra Pene d’amore e ridarella

prev
Articolo Successivo

Luca, Sergio e gli altri: le missioni di sola andata

next