“Più luce” invocava Goethe in punto di morte. Più luce chiedono i teatri italiani, e i lavoratori dello spettacolo, per sopravvivere dopo un anno di pandemia che ha fatto crollare incassi e produzioni. Quasi cinquecento scritte “teatro” si sono riaccese ieri sera, in tutta Italia per due ore (tra le 19.30 alle 21.30) mentre le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

L’“Epilogue” dei Daft Punk, i fabbricanti di suoni dance

prev
Articolo Successivo

Alla scuola dei critici la prima regola è vietare. Così si soffoca la letteratura femminile

next