Se io fossi Draghi, mi sentirei profondamente offeso dall’essere considerato come un Forrest Gump che, per ogni idea esternata, anche la più ovvia, trova turbe di commentatori pronti a vedervi un lampo di genialità e una strategia siderale. Nel suo discorso programmatico, subito elogiato come le 12 tavole di Appio Claudio o le 95 tesi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Le capriole dei capataz, il vincolo di mandato e la democrazia sospesa

prev
Articolo Successivo

Povero Vito Crimi: il reggente perpetuo si crede Maradona

next