Il calcio italiano non cambia. Gabriele Gravina resta il n. 1 della Figc. Lo è stato negli ultimi 2 anni, in cui ha lavorato per il pallone (e per la sua rielezione). Lo sarà per i prossimi 4, confermato con percentuali bulgare. Lo hanno votato quasi tutti, calciatori, allenatori, società. Mentre il rivale Cosimo Sibilia, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Lateranense, il nuovo segretario generale è donna

prev
Articolo Successivo

Il contabile di Parnasi smentisce Centemero: “I soldi all’associazione Più voci? Per la Lega”

next