Prima le mascherine, poi i tamponi rapidi. Ora il business di chi lucra sull’epidemia si sposta sui vaccini anti-Covid. Sono almeno tre le Procure al lavoro e decine le segnalazioni giunte ai carabinieri del Nas di tutta Italia. Tanto da far ipotizzare l’esistenza di una sorta di mercato parallelo del prezioso siero. I soggetti all’attenzione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“La situazione peggiora”: altre tre regioni arancioni, Speranza rinvia la stretta

prev
Articolo Successivo

Governatori al palo, corrono davvero solo Lazio e Campania

next