I partiti avevano deciso di ridurre al minimo gli emendamenti del Milleproroghe, da convertire entro il 1º marzo, per non creare subito spaccature nella nuova maggioranza. È il caso del “blocca prescrizione” di Alfonso Bonafede, che è stata solo per ora congelata. Ma su sfratti, trivellazioni, scorie nucleari, bollette e cashback l’accordo politico ancora non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Biden si sposta a sinistra e sfida i dogmi liberisti: piacerà a Mr. Bce?

prev
Articolo Successivo

Contro il finto alleato Salvini, meglio Giorgia

next