C’è una tomba senza nome al Cimitero acattolico di Roma, ai piedi della piramide-mausoleo di Caio Cestio. Vi si legge un’iscrizione enigmatica: “Qui giace uno il cui nome fu scritto nell’acqua”. È John Keats (1795-1821) l’uomo il cui nome fu scritto nell’acqua. Mentre giovanissimo scorgeva il profilo della propria morte, il poeta malato di tubercolosi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Quando le spie russe lavoravano alla Fiat, Agnelli volava a Mosca

prev
Articolo Successivo

Lo struscio a Cortina. Saluti e baci a vanvera “E quello chi era? Non ricordo nulla… è grave?”

next