La polizia di Milano, nel febbraio del 1933, fece irruzione negli uffici della società sovietica Petrolea, in largo Augusto, sospettata di essere una delle basi dello spionaggio industriale e militare dell’Unione Sovietica in Italia. Era stata creata nel 1927, come si rammenta nella pagina web pionierieni.it, “per l’importazione e la vendita all’ingrosso di greggio e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Terrazza sul Fascismo. La Storia è un autoritratto di famiglia (e l’antisemitismo un tradimento reale)

prev
Articolo Successivo

Sull’acqua e nel cuore. Keats, fugace ma così eterno

next