Con il colpo di stato militare del primo febbraio e l’arresto di Aung San Suu Kyi, simbolo della transizione democratica, appena alcune settimane dopo l’arrivo di Joe Biden alla Casa Bianca, la Birmania si è ritrovata al centro della rivalità geopolitica tra Cina e Stati Uniti. Se la fine della giunta ha permesso un certo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Freno al debito.In Germania vacilla il totem Fratzscher (Diw) spiega perché è “senza senso”

prev
Articolo Successivo

Israele Stop allevamenti, si punta sulla bistecca in 3D

next