Avolte le cose si mettono in modo tale che i nudi fatti e il loro senso più profondo finiscono per coincidere in un semplice simbolo: è il caso del nuovo governo Draghi, un tentativo – si vedrà quanto riuscito – di riportare le lancette dell’orologio indietro di dieci anni, quando i barbari che trionfarono alle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Tutti “neri” e composti: il giuramento come un Cda

prev
Articolo Successivo

Cassese non sta nelle pelle: “È roba mia”

next