Ambiente sfregiato

Concessione per ampliare la cava, scempio nel Parco del Gran Sasso

La società Inerti Mozano srl vorrebbe riattivare l'estrazione ferma da 15 anni. Ma le autorizzazioni, secondo le associazioni locali, sarebbero state rilasciate sulla base di un errore cartografico, che pone l’area al di fuori del Parco abruzzese

11 Febbraio 2021

Nel bel mezzo del Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga è stato autorizzato l’ampliamento di una cava di calcare. Il progetto in località Monte Mozzano, nel comune di Montereale, in provincia dell’Aquila (Abruzzo) aveva ricevuto nel 2016 l’ok dalla Regione (Allegato 1). Con la richiesta di riesame in autotutela presentata dalle associazioni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.