Palle di neve sulle divise scure della polizia russa sono piovute ieri da Mosca a Ekaterinburg. Sangue, manganelli e record: in novanta città sono stati 3.450 i fermi, per l’ong Ovd-Info, fra i manifestanti scesi in strada come gesto di solidarietà verso l’oppositore Alexei Navalny; il dissidente, dopo il suo arresto avvenuto al rientro da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

De Sousa vuole dribblare pandemia e ultradestra

prev
Articolo Successivo

L’intelligence Usa compra i dati “digitali” dei cittadini

next