I danni dell'uomo

Sulcis, un territorio ferito (e malato) per l’industrializzazione selvaggia. E abbandonato

Processi e bonifiche mancate: a lungo multinazionali e partecipate di Stato hanno fatto incetta di beni e risorse, per poi chiudere e andare via, lasciando un territorio profondamente segnato dalla disoccupazione, dall’inquinamento (ancora da risanare) e dalla malattia

14 Gennaio 2021

“Tecnici, lavoratori! Oggi 18 dicembre dell’anno XVII dell’era fascista nasce con questo semplice rito inaugurale il più giovane comune del Regno d’Italia: Carbonia”. A parlare alla piazza gremita di bocche affamate ed esultanti, per il neonato comune e l’auspicato benessere che le miniere tutt’attorno avrebbero prodotto, era Benito Mussolini, che quel giorno del 1938 sbarcò […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione